A TRIPOLI, A TRIPOLI!

Promemoria storico per i futuri eventi che si produrranno nell’italico cortile di casa.

Mentre falchi neocons e colombe obamiane svolazzano, ali nelle ali, sopra il cielo nordafricano, là dove rigogliosa fiorisce la “primavera democratica” (a proposito, che fine hanno fatto i pacifisti “senza se e senza ma” che scendevano in piazza a ogni sospiro del cattivo Bush? Forse aspettano di sostenere il Comitato per la Pace proposto dal camerata Chàvez?). Mentre il solito progressista francese, dopo aver stigmatizzato il “cinismo” e l’”assenza di visione strategica” della realpolitik occidentale, si augura pei i “Paesi in rivolta” un futuro di “democrazia, diritti umani, pace sociale e prosperità” (praticamente l’eldorado capitalistico!). Mentre la progressista Lucia Annunziata saluta con entusiasmo l’”ingerenza umanitaria” annunciata dal ministro Frattini (non prima di aver elargito all’imbranato imperialismo italiano una serie di buoni consigli: quando si dice essere più realisti del re!). Insomma, mentre la competizione imperialistica si accende nel nostro cortile di casa (o Quarta Sponda che dir si voglia), forse può tornare utile la “pillola” storica che segue.

Nel 1905 il ministro degli Esteri Antonio Di San Giuliano lamentava il fatto che «il problema meridionale non è stato ancora affrontato seriamente dal Parlamento e dal governo. Ancora meno seriamente si è affrontato il problema coloniale». In quell’anno la linea di espansione imperialistica dell’Italia puntava soprattutto verso il Sud, in direzione della «quarta sponda» africana, ma già andavano delineandosi chiaramente altre due, assai più promettenti ma anche foriere di acute tensioni nell’agone internazionale, direttrici geopolitiche: verso l’area balcanico-danubiana e verso l’Asia Minore. Naturalmente non è il solo San Giuliano a vedere nell’espansione coloniale una «valvola di sfogo» per una pressione demografica che esuberava le esigue capacità di assorbimento del mercato del lavoro nazionale. Per rendersene conto basta vedere cosa scriveva ad esempio il De Felice nel 1911: «A 13 ore da Catania, quasi quanto Milano dista da Roma, coraggiosi emigranti catanesi, cacciati dalle ostilità ottomane, mi riferiscono esistere agrumeti, vigneti, oliveti ecc. estesissimi […] I visitatori catanesi mi parlano dell’esistenza di vastissime miniere di zolfo, d’antimonio, di carbon fossile, e tutto ciò […] a poche ore da Catania […] Convinto che la sorte del proletariato della Sicilia e del Mezzogiorno è intimamente legata al problema della colonizzazione della Tripolitania, desidero ardentemente che l’Italia ufficiale si ritiri dall’infausta Eritrea, penetrando civilmente nella Tripolitania e Cirenaica, che non costerà nemmeno un colpo di fucile» (De Felice, intervista al Giornale d’Italia del 23 novembre 1911). È il tempo in cui il popolo canta «Tripoli, bel suol d’amore, sarai italiana al rombo del cannon!»; com’è noto, la famosa canzone di Gea della Garisenda invitava tutti gli italiani «A Tripoli!» La tremenda disfatta di Adua (marzo 1896), che aveva provocato la caduta del ministero Crispi, sembra dimenticata per sempre; il Via dall’Africa! pronunciato da Andrea Costa alla Camera dei deputati appare uno slogan invecchiato partorito da una mente disfattista.

Tuttavia, contrariamente agli auspici dei colonialisti «dal volto umano», l’impresa libica costerà «lacrime, sudore e sangue» al proletariato italiano, il quale dopo l’iniziale ubriacatura sciovinista che aveva creato il vuoto attorno all’opposizione socialista, dovette infine svegliarsi per fare i conti con il peggioramento delle proprie condizioni di vita. Tra i motivi che indussero la classe dominante italiana a prendere tempo nella fatale estate del 1914, a rinviare ogni decisione sull’entrata in guerra del Paese, occorre senz’altro annoverare i postumi dolorosi di quell’impresa, che certo non potevano fomentare nelle masse il necessario «sentimento nazionale» né un adeguato spirito bellicoso. Tra l’altro il Bel Paese si rese allora responsabile del primo massiccio impiego di armi chimiche in un conflitto, mentre l’aviazione tricolore dimostrò tutte le tragiche potenzialità della nuova Arma nell’ambito della moderna guerra. Italiani, brava gente. Forse.

In effetti, l’avventura coloniale italiana in Libia non si spiega soltanto o soprattutto con cause immediatamente economiche, anche perché quel Paese non era certo una terra promessa, né offriva sbocchi tali da poter alleviare la recessione dell’industria italiana. Essa va invece collocata all’interno di quel disegno strategico che vide l’Italia di inizio Novecento perseguire con una certa coerenza (sempre nei limiti dell’italica “saggezza geopolitica”: chiedere alla Germania…) il suo ingresso nel Grande Gioco delle potenze europee. E ciò tanto più nel momento in cui l’indebolimento della Turchia le schiudeva l’opportunità di una sua agevole penetrazione nell’entroterra dell’Impero Ottomano, nell’ambito della sua promettente politica espansionistica nell’area balcanica.

[Tratto da: Sebastiano Isaia, Uno statista all’ombra dell’elefante, in Meridionalismo d’accatto, 2008.]

Annunci

One thought on “A TRIPOLI, A TRIPOLI!

  1. Pingback: Libia e continuità storica. Cambiando l’ordine cronologico dei regimi politico-istituzionali, il risultato non cambia. E si chiama IMPERIALISMO. | Sebastiano Isaia

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...