IL SACRIFICIO NON VUOLE CAPRI ESPIATORI MA VERITÀ

Se dicessi che non me lo aspettavo, che la cosa mi ha colto di sorpresa, non direi il vero. Me lo aspettavo, eccome: conosco bene i miei polli “pacifisti”!

A cosa alludo? All’individuazione delle «vere responsabilità» che fanno capo al brutale assassinio di Vittorio Arrigoni.

Per molti sostenitori italiani della Causa Palestinese non ci sono dubbi: «in ultima analisi» (ma per non pochi di essi anche in primissima, in ossequio alla Teoria del Complotto Sionista Mondiale), è a Israele che bisogna attribuire quelle responsabilità. Seguono, sempre in ordine di responsabilità, i Paesi del Cinico Occidente che si attardano a sostenere l’Anomalia geopolitica incistatasi in Medio Oriente all’indomani del Secondo macello mondiale; essi, infatti, col loro «atteggiamento complice» hanno favorito l’ascesa dei fondamentalisti islamici tra le «Masse Arabe», in generale, e nel seno del Popolo Palestinese, in particolare. In gran parte si tratta di vere e proprie balle ideologiche, logorate dai fatti ma ancora lungi dal voler prendere congedo.

In realtà, Paesi come l’Iran, l’Egitto, la Siria, il Libano e la Giordania condividono, pur con modalità e graduazioni differenti, le stesse responsabilità storiche di Israele in fatto di putrefazione della «Questione Palestinese». Quei Paesi, tra loro concorrenti sul terreno della leadership regionale in quella delicata parte di mondo, si sono serviti di quell’annosa e purulenta «Questione» come strumento di lotta politica, economica, ideologica e, non di rado, militare, sul piano interno come su quello internazionale. È un fatto che di palestinesi ne hanno sfruttati, oppressi e massacrati più i loro “Fratelli Arabi”, che l’odiato demonio Stellato.

Come scriveva Paolo Maltese in un bel libro dei primi anni Novanta del secolo scorso, «È semplicistico e deviante ritenere che sia sufficiente risolvere la questione palestinese per portare la pace in Medio Oriente. Piuttosto essa è stata pure, col suo peso lacerante, utile come alibi per camuffare antagonismi e problemi interni del mondo arabo» (Nazionalismo Arabo Nazionalismo Ebraico, 1789-1992).

Questo Vittorio Arrigoni non lo ha capito – come d’altra parte non lo hanno capito i suoi compagni del Manifesto e larga parte della cosiddetta estrema sinistra; egli è rimasto vittima, non solo di un Mondo Cinico e Baro su scala planetaria, ma anche di un’analisi politica e sociale sbagliata, perché malignamente fecondata dall’ideologia Terzomondista, sopravvissuta al XX secolo sotto nuove spoglie. Un’ideologia che, tra l’altro, non gli ha permesso di vedere con chiarezza la natura della posta in gioco nel Mondo Musulmano, dal Nord Africa al Medio Oriente, la quale mette in collisione sempre più dura chi ha tutto da perdere da una rapida «occidentalizzazione» (leggi: sviluppo capitalistico) di quelle società, e chi invece guarda a quella «opzione» come la sola possibile via di fuga dall’arretratezza.

In piccolo Gaza riproduce questa lotta intestina al Mondo Arabo, e Arrigoni ha pagato la sua diabolica origine occidentale («Crociata») nonostante militasse dalla parte dell’estremismo palestinese, quello che vuole distruggere lo Stato d’Israele. Il sangue versato vuole verità, non capri espiatori, soprattutto quando la verità è dura da mandar giù.

La distruzione dello «Stato Sionista» è una parola d’ordine sbagliata sotto tutti i punti di vista (quello Stato merita di scomparire alla stregua di ogni altro Stato presente sulla faccia della Terra, nè più nè meno), che serve solo a sostenere coloro che hanno interesse a mantenere sempre viva e dolorosa l’infezione sociale e nazionale che si è generata nel «Sacro Suolo di Palestina» sessant’anni fa. A causa del Complotto Sionista? No, a causa del processo storico mondiale. Auschwitz compresa.

Un pensiero su “IL SACRIFICIO NON VUOLE CAPRI ESPIATORI MA VERITÀ

  1. Pingback: GLI EROI SON TUTTI GIOVANI E BELLI (E POSANO ADEGUATAMENTE) « The Pensive Image

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...