AMICO NORD COREANO, SPUTA L’ERBA E ADDENTA LA BISTECCA!

La Corea del Nord – quella «Comunista» – è alla frutta. Pardon: è all’erba. Non si tratta affatto della solita frase stilizzata, o di una battuta, né di un’allusione fricchettona alla nota sostanza che si usa fumare. Il fatto nudo e crudo riportato dalla stampa internazionale è questo: l’ennesima carestia che flagella il mostruoso Paese Asiatico situato al di là del famigerato 38° parallelo costringe la sua disgraziata popolazione a cibarsi di erba. Per l’incontenibile gioia dei vegetariani occidentali, e per la disperazione delle ultime mucche rimaste colà in circolazione.

Il segno degli anoressici tempi è dato dalla circostanza per cui l’inedia si sta diffondendo anche nell’esercito, indebolendo i salariati della sola fabbrica che funziona a pieno regime (è proprio il caso di dirlo): quella che produce terrore nucleare e «convenzionale», merce che la Corea del Nord esporta nella «sorella» Corea del Sud, in Cina e negli Stati Uniti, in cambio di valuta pregiata, petrolio e cibo.

A proposito di fabbrica del terrore, c’è da dire che l’aggressività del regime nei confronti del mondo è direttamente proporzionale alla fame che divora i corpi e le teste dei sudditi, e a farne le spese è, come sempre, la Corea del Sud, che proprio la scorsa settimana ha dovuto subire l’ennesimo «incidente» con l’esercito agli ordini del «Glorioso Presidente» Jong-il. Per la cronaca: quattro civili Sud Coreani morti.

Per non farsi mancare nulla, il migliore dei mondi possibili, sotto forma di Nazioni Unite, ha chiamato la delegazione onusiana della Corea del Nord a presiedere il «Comitato per la Pace e il Disarmo». Tempi duri per i comici di tutto il mondo!

Ora, essendo io un inguaribile e fanatico carnivoro, mi sento di rivolgere alla scheletrica popolazione nord coreana la seguente domanda suggestiva: perché non passate dall’erba alla carne? Perché non la smettete di fare concorrenza alle mucche e non trasformate l’obesa classe dominante «comunista» in succulente bistecche?

Se la cosa vi genera fastidio, amici nord coreani, vi mando un cuoco di mia conoscenza esperto in salse staliniste. È lo stesso “compagno” che circa vent’anni fa mi disse che le informazioni che circolavano in Occidente sull’incredibile miseria del popolo nord coreano erano mere notizie propagandistiche confezionate dai pennivendoli del Capitale. «Nessuno – mi disse – può fare dell’ironia sul coraggioso esperimento sociale in atto in quel Paese!» Io, si capisce, continuai a fare tanta ironia su quel Paese e, soprattutto, sul fanatico «comunista» occidentale che lo difendeva dai biechi detrattori «oggettivamente fascisti».

Ma sì, amici, ve lo mando! Tanto più che oggi, sollecitato da chi scrive, quel cuoco dalla triste figura nega con sdegno di aver mai sostenuto quella «ridicola» posizione. Nemmeno coerente! E mi raccomando,non dimenticate di mangiare pure lui. Buon appetito!

Annunci

4 thoughts on “AMICO NORD COREANO, SPUTA L’ERBA E ADDENTA LA BISTECCA!

  1. Pingback: IN MEMORIA DEL GENERALE INVINCIBILE E SEMPRE TRIONFANTE « Sebastiano Isaia

  2. Pingback: PROVE DI APOCALISSE NUCLEARE LUNGO IL 38° PARALLELO | Sebastiano Isaia

  3. Pingback: PRESSIONI “UMANITARIE” SULL’INFERNO NORDCOREANO | Sebastiano Isaia

  4. Pingback: A CHE PUNTO È L’APOCALISSE NUCLEARE? | Sebastiano Isaia

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...