SILVIO, MISERABILANDIA E GLI ORGASMI DEL LEVIATANO

Processo RubyIeri, mentre Miserabilandia metteva in scena l’ennesima puntata dedicata al Cavaliere di Arcore, su Facebook commentavo l’epocale sentenza milanese emessa contro lo spauracchio del progressismo e del politicamente corretto in questi termini: «Soprattutto quando colpisce un “uomo di potere” il Leviatano mostra tutta la sua potenza sociale e tutta la sua aggressività ideologica, tesa a minacciare e a ipnotizzare i dominati». Antonio Padellaro mi ha offerto subito una pezza d’appoggio: «Ieri è stata una buona giornata per il Paese e per la Costituzione, il cui articolo 101 è stato rispettato in pieno» (Il Fatto Quotidiano). Leggiamo allora questo benedetto articolo: «La giustizia è amministrata in nome del popolo. I giudici sono soggetti soltanto alla legge». Insomma, la legge si abbatte con eguale – cieca – severità sul poveretto come sul potente, esattamente come prescrive l’ideologia pattizia (borghese) che mostra lo Stato in guisa di istituzione socialmente neutra posta al servizio di tutti i cittadini, a prescindere dal loro conto in banca e dalla loro collocazione politica. La funzione del Leviatano come guardiano dello status quo sociale, come la più alta e violenta espressione di un peculiare dominio di classe (borghese) non può ovviamente trovare spazio in quella concezione. L’ideologia pattizia è l’ideologia dominante, e anche il concetto di «popolo», teso a cancellare la divisione classista della società, vi gioca un ruolo centrale.

Naturalmente la storia non conosce legge – e Giustizia – che non abbia un preciso contenuto di classe, cosa che non è minimamente contraddetta quando a finire nelle grinfie del Moloch è un potente: il mostro, infatti, è chiamato a difendere il meccanismo sociale nel suo complesso, e non singoli personaggi o singole fazioni della stessa classe dominante, sacrificabili sull’altare della stabilità sistemica. E proprio qui viene avanti il lato ipnotico, squisitamente ideologico, della faccenda.

Se lo Stato colpisce un potente, che dispone anche dei mezzi finanziari per difendersi, figuriamoci cosa può accadere a un indigente! Questo è il lato minaccioso della questione. Qui il bastone della violenza sempre incombente mette in ombra la carota della “giustizia”. Naturalmente bastone e carota sono le due facce della stessa maligna medaglia, la cui natura escrementizia non cambia quando a finire in disgrazia è un cosiddetto “potente”. Ma questo i mentecatti dell’anticasta, che ieri hanno goduto di orgasmi multipli  mentre il Tribunale di Milano sentenziava sul Grande Puttaniere, non potranno capirlo mai.

Berlusconi_condannato_7anniChi si illude di poter usare impunemente il Leviatano per regolare qualche conto, per consumare qualche “vendetta di classe”, mostra di non conoscere nulla del mostro a sangue freddo che gli sta dinanzi. Come sempre, il nemico assoluto che scegliamo di colpire in un dato momento dice molto di noi, certamente più che dell’avversario preso di mira.

Annunci

2 thoughts on “SILVIO, MISERABILANDIA E GLI ORGASMI DEL LEVIATANO

  1. Qui la tua considerazione , sempre puntuale, avrebbe richiesto una chiave di lettura più aggiornata. Data l’orchestrazione in chiave femminista della decapitazione del caimano, avrei desiderato una spiegazione sociologica, della metamorfosi strutturale del Leviatano capitalistico.
    Ridotto il genio femminile a “lavoro salariato in carriera”, dinanzi ad un collegio giudicante trifemminato forse il progressista Padellaro si troverà tra poco a propugnare la “par condicio” di “quote celesti”.
    Tuo quotidiano lettore

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...