CAPITALISMO COGNITIVO E POSTCAPITALISMO. Qualunque cosa ciò possa significare.

robots-ap11«Come sulla fronte del popolo eletto stava
scritto ch’esso era proprietà di Geova», così
l’espansione totale e capillare del rapporto
sociale capitalistico imprime all’individuo
«un marchio che lo bolla a fuoco come
proprietà del capitale» (Marx).

Introduzione

La lettura del libro di Paul Mason Postcapitalismo. Una guida per il nostro futuro ha generato in me una serie di riflessioni e di suggestioni che proverò a mettere in ordine per poterle condividere con i lettori, ai quali chiedo preventivamente scusa per le ripetizioni di frasi e concetti che probabilmente troveranno nel testo che avranno la bontà di leggere, e che non sono riuscito a eliminare nella fase di correzione degli appunti.

Lo scritto che segue non vuole essere, e difatti non è, una recensione del libro di Mason ma, appunto, una “libera” – e spero non troppo confusa – riflessione sui temi affrontati o anche solo evocati dal suo autore. I frequentatori più assidui del Blog non avranno difficoltà a capire subito che si tratta di “problematiche” che non smetto di prendere di mira, cercando di approcciarle da prospettive sempre diverse. Non sempre, o meglio: solo raramente la cosa mi riesce, non ho motivo di negarlo, ma l’impegno c’è, e credo che, tutto sommato, esso vada nella giusta (radicale/umana) direzione. Certamente sbaglio, inciampo e cado di continuo, ma sempre su un terreno a me caro: l’anticapitalismo “senza se e senza ma”, in vista di «una più elevata situazione umana» (Goethe). Ed è appunto dalla prospettiva radicalmente anticapitalista che offro il mio piccolo contributo alla critica di ideologie che in guise sempre nuove (“postmoderne”, nella fattispecie) esprimono, in forma “critica” o apologetica, e difendono, in modo più o meno consapevole, rapporti sociali di dominio e di sfruttamento che considerati da quella prospettiva appaiono sempre più vecchi e decrepiti. Come cercherò di argomentare, i teorici del «Capitalismo cognitivo» e del «Postcapitalismo» credono di rivoluzionare il pensiero economico e sociale dominante quando mettono sotto i riflettori della loro analisi la crescente potenza economico-sociale della scienza e della tecnica, mentre essi si limitano a registrare, spesse volte fraintendendone il significato e la direzione, fenomeni presupposti dal concetto stesso di Capitale.

Grazie alla tecnoscienza il Capitale realizza continuamente nuove condizioni di dominio sul lavoro, nuove opportunità di investimento e nuove occasioni di profitto; grazie ad essa la caccia al profitto coinvolge l’intero pianeta, l’intera società, l’intera esistenza di ogni singolo individuo. La tecnoscienza «si presenta come un mezzo di sfruttamento incivilito e raffinato» (1). Per questa sua eccezionale capacità polimorfe di cambiamento e di adattamento il Capitalismo rende poco significative definizioni come vetero-capitalismo, neo-capitalismo, post-capitalismo (e qui do già, implicitamente, un primo giudizio sul merito) e così via. A ben vedere, la stessa distinzione tra Capitalismo fordista e Capitalismo post-fordista ha un significato ben limitato (lo stesso che si deve attribuire allo sviluppo tecnologico e organizzativo che dal toyotismo approda all’ultima versione del Just in time), ed essa appare del tutto priva di dialettica e di respiro storico quando viene declinata dai “cognitivisti”. Detto in altri termini, il Capitalismo è, al contempo, sempre vecchio (quanto ai rapporti sociali che lo rendono possibile) e sempre nuovo – quanto a fenomenologia. Personalmente approccio lo straordinario dinamismo sociale di questa epoca storica a partire dalla griglia concettuale qui appena sommariamente delineata.

Secondo Erik Brynjolfsson (direttore del Mit Center for Digital Business) e Andrew McAfee (ricercatore capo del Mit Center for Digital Business), autori de La nuova rivoluzione delle macchine. Lavoro e prosperità nell’era della tecnologia trionfante (Feltrinelli, 2015), «Non c’è mai stato un momento peggiore per essere un lavoratore che ha da offrire soltanto capacità “ordinarie”, perché computer, robot e altre tecnologie digitali stanno acquisendo le medesime capacità e competenze a una velocità inimmaginabile». Detto che a trionfare non è semplicemente la tecnologia ma piuttosto la sua essenza capitalistica, ossia il Capitale; detto questo contro l’ennesima manifestazione di feticismo, personalmente penso che  «non c’è mai stato un momento peggiore per essere un lavoratore»: punto.

Per gran parte dei teorici del Postcapitalismo, qualunque cosa ciò possa significare, l’economia e il tessuto sociale che trascendono, per così dire, il vigente assetto economico-sociale non rappresentano solo una splendida opportunità resa possibile dallo stesso sviluppo capitalistico: essi sono piuttosto concepiti come una realtà che in qualche modo già esiste nel ventre del Capitalismo, in parte come effetto del suo stesso sviluppo scientifico e tecnologico, in parte come risposta alla sua crisi epocale e, a quanto pare, definitiva – l’ennesima! Anche questa tesi è tutt’altro che nuova, e soprattutto in Italia essa ha avuto declinazioni sia “riformiste” (vedi il cooperativismo socialista di fine Ottocento/inizio Novecento) che “radicali” (vedi alcuni segmenti dell’Autonomia Operaia). Ma è poi vero che il Capitalismo è sul punto di rendere l’anima?

Purtroppo la possibilità del nuovo non si trasforma deterministicamente (spontaneamente) nella sua concreta realtà. Proprio questa nuova (ennesima) crisi sistemica celebra i fasti del Capitalismo, il quale ha, per così dire, l’occasione di dimostrare all’intera umanità che non si dà alcuna realistica alternativa alla sua esistenza, nonostante le devastanti crisi che periodicamente lo scuotono fino a farlo barcollare sull’orlo di un abisso che sembra poterlo ingoiare da un momento all’altro. Due guerre mondiali hanno dimostrato che l’abisso spontaneamente genera solo la rinascita del Moloch precedentemente rantolante e dato ormai per spacciato (anche da non pochi intellettuali di “destra”), con rinvio sine die del funerale preconizzato a suo tempo dal fin troppo ottimista (ma solo se considerato dalla pessima prospettiva che ci offre il nostro tempo) comunista di Treviri.

La tensione dialettica a suo tempo individuata da Marx, con un tempismo che lascia ammirati i suoi lettori privi di preconcetti di sorta, tra le forze produttive sociali e le relazioni sociali che sequestrano quelle forze dentro l’angusta dimensione capitalistica (per il capitale esse sono solo mezzi per produrre valore «sulla sua base limitata»); questa contraddizione in processo, dicevo, ha nella crisi economico-sociale il suo più pregnante punto di caduta, nonché la condizione oggettiva «per far saltare in aria questa base» (2). Dopo oltre un secolo e mezzo di sviluppo capitalistico (qui faccio riferimento, e come si vedrà in seguito non casualmente, alla stesura dei Grundrisse) appare chiaro, oltre ogni ragionevole dubbio, come le condizioni oggettive che rendono possibile il superamento del Capitalismo da sole non siano sufficienti a realizzare il “salto qualitativo” che pure pulsa sempre più fortemente – esattamente come i processi che lo contrastano – come tendenza storica immanente allo stesso concetto di Capitale. Il risvolto dialettico insito nella crescente produttività sociale del Capitale, che nell’immediato equivale a un saggio sempre crescente di sfruttamento del lavoro vivo; quel risvolto è destinato a rimanere indefinitamente nella dimensione del possibile senza l’irruzione sulla scena sociale di un evento che sia in grado di accelerare processi e di attuare tendenze. «Il limite della produzione capitalista», amava ripetere Marx, «è il capitale stesso»; ebbene, quel limite è destinato a venir sempre di nuovo superato, anche se non potrà mai essere eliminato, senza il precipitare di fenomeni sociali che non sono immediatamente riconducibili ai meccanismi dell’accumulazione capitalistica. Ricordo a me stesso che il materialismo marxiano è «storico e dialettico», e non economico e determinista. Alla fine, è nella sfera politico-sociale che bisogna cercare la soluzione del problema: Hic Rhodus, hic salta! diceva quello.

Se per Postcapitalismo intendiamo riferirci alla società che verrà (o, più realisticamente, che potrebbe venire) dopo il Capitalismo, e non allo sviluppo capitalistico chiamato con un altro – mistificante – nome (un po’ com’è avvenuto con il cosiddetto “Socialismo reale”), ebbene chi scrive non riesce a concepire il superamento dell’attuale regime sociale se non come un processo sociale che abbia come cuore pulsante un soggetto rivoluzionario, ossia una volontà umanamente orientata. Non sto parlando solo del «Partito Comunista» evocato nel potente Manifesto del 1848, ma anche e soprattutto del farsi partito politico delle classi subalterne, sempre secondo le ben note tesi marxiane – e posta la profonda connessione dialettica tra i due momenti (il «partito» e il «farsi partito») che certo non sfugge nemmeno a chi scrive.

«L’emancipazione del proletariato deve essere opera dello stesso proletariato; organizzandosi in partito politico il proletariato si costituisce come classe autonoma, come classe per sé, e cessa di essere classe per il Capitale» (Marx). Come impostare e risolvere il problema appena posto sul tappeto, sempre con la preziosa mediazione del noto barbuto, a partire dalla Società-Mondo del XXI secolo? La ricerca della risposta esorbita dalle intenzioni, molto più circoscritte, del presente scritto – cosa che d’altra parte non mi impedisce di confessare la mia inadeguatezza politica dinanzi al famoso e decisivo Che fare?; e tuttavia in una riflessione dedicata al Postcapitalismo il problema non poteva non essere quantomeno evocato. Almeno a parere di chi scrive.

Vedi PDF

123070-mdIndice

Introduzione
1. Come pensare la rivoluzione sociale oggi?
2. Riforma o rivoluzione sociale? Postcapitalismo!
3. Maledetto Frammento! Contro una lettura gradualista (“riformista”) e adialettica (infantile) del pensiero marxiano
4. Uso capitalistico della tecnologia e sua sostanza capitalistica
5. Quale paradigma per la società del XXI secolo?
6. Stagnazione secolare, crisi permanente o “Nuova normalità” capitalistica?
7. Verso lo zero economico critico?
8. Uscire dal Capitalismo. Ma per andare dove?

Annunci

5 thoughts on “CAPITALISMO COGNITIVO E POSTCAPITALISMO. Qualunque cosa ciò possa significare.

  1. Buongiorno Sebastiano!
    Scusami per questo commento. Ho appena cominciato a leggere questo post sicuramente interessante e ho subito notato un piccolo errore “La lettura del libro di Paula Mason”, please, edit it into “Paul Mason”!!
    Forse avrei potuto astenermi dalla precisazione, ma non si sa mai, avrebbe magari potuto ingenerare qualche perplessità, anche se credo che i tuoi lettori siano tutti alquanto colti e aggiornati.
    A poi…
    Saluti
    Bob

    • Grazie mille Bob. Evidentemente la lingua batte dove vorrebbe… Eccellente giornata e nuovamente grazie. Vado a correggere il freudiano errore. Ciao. Colgo l’occasione per scusarmi anche con i lettori.

  2. Il fatto che il Capitale non riesca più a mungere i profitti di un tempo e che il lavoro salariato abbia assunto forme e modalità diverse, sconvolge non poche illustri menti, al punto da farle credere al miracolo che il mostro sia ormai defunto e appartenga al passato.
    Cambiando ciò che deve essere cambiato, come tu dici, per me sono tutti teorici della restaurazione “Keynesiana”, modelli talmente avariati da intossicarti ancora prima di prenderli in considerazione. E tuttavia, con grande seguito e plauso, soprattutto dal popolo sinistrorso, così tanto assetato di economia etica, fair play e legalità (aghh… il mio misuratore di disgusto si è fuso!!)
    In realtà, credo che farneticazione e idiozia siano degni sotto-prodotti della immensa fabbrica fenomenologica di Sua Maestà il Capitale.
    Ma tu lo hai già espresso molto bene questo concetto quando hai scritto “Detto in altri termini, il Capitalismo è, al contempo, sempre vecchio (quanto ai rapporti sociali che lo rendono possibile) e sempre nuovo – quanto a fenomenologia.”
    E’ solo un altro giro della solita vecchia giostra. Chi non pensa di essere “solo un mezzo per produrre valore”, scagli pure la prime pietra. O forse no. Finiremmo lapidati!!

  3. Eccellente! Ma mi chiedo allora (retoricamente) quanto non sia urgente nella nostra analisi andare oltre il lavoro di riconoscimento della razionalità propria del darsi storico del capitalismo ed includere in essa l’investigazione sul modo in cui il capitalismo si da come quella costellazione di senso che tiene insieme «le relazioni sociali che sequestrano [le] forze dentro l’angusta dimensione capitalistica» e prevengono «il “salto qualitativo” che pure pulsa sempre più fortemente […] come tendenza storica immanente allo stesso concetto di Capitale». Quello che ancora mi sembra resti da fare è infatti disperdere la nebbia che non lascia ben distinguere tra volontà e destino; ma magari a ciò troverò risposta nel resto del documento che ho appena scaricato.

    • Ti ringrazio. Mi sembra che hai ben individuato il lavoro teorico-politico centrale in questa fase storica per dare sostanza “soggettiva” al dominio capitalistico. Per la “risposta” credo che dovrai attendere il mio prossimo scritto. Quale? Il prossimo, o quello successivo… Buona giornata. Ciao!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...