CAVALCARE LE UTOPIE!

Federico Rampini ieri a PiazzaPulita (LA7):

«Io mi dissocio dalla venerazione nei confronti di Greta Thunberg. Mi preoccupa lo spettacolo degli adulti che si genuflettono davanti agli adolescenti». Concordo! Che spettacolo penoso e grottesco – nonché strumentale e propagandistico – vedere i Cari Leader occidentali prostrarsi dinanzi al blaterare ecologista di Greta: neanche fosse Fedez o un componente dei Maneskin!

«Gli adolescenti fanno il loro mestiere, fanno benissimo a cavalcare le utopie e a gridarci delle provocazioni»: qui invece non concordo affatto con il noto giornalista. A mio avviso gli adolescenti che scendono in strada inseguendo le verdi orme di Greta non cavalcano utopie ma, quando va bene, chimere, e più spesso idee che sorridono non al Sole, ma al Capitale, il quale si lecca i baffi pensando al giro d’affari implicato nella mitica “Transizione Ecologica” – si parla di circa 53 trilioni di dollari per i prossimi 10/20 anni. Le “provocazioni” gretiste portano (quantomeno “oggettivamente”) acqua al mulino del “Capitale green” in concorrenza con il “Capitale fossile” per la spartizione del profitto in settori industriali, commerciali e finanziari ricchissimi. Senza contare il fatto che spesso le due figure capitalistiche (“green” e “fossile”) fanno capo a una stessa multinazionale industriale o finanziaria: il Moloch fa profitti quando sporca e quando “ripulisce”.

Esattamente la stessa cosa accade nel “comparto salute”: questa società abbastanza escrementizia prima ti fa ammalare, fisicamente ed “esistenzialmente” (ne sanno qualcosa la medicina e la farmaceutica dedicate alle “malattie psichiche”), e poi ti cura in vista di un nuovo giro di pista, in attesa beninteso della nuova  immancabile magagna. In entrambi i casi (malattia e cura) il Capitale ci guadagna, e gli apologeti di questa società hanno l’opportunità di confermare a se stessi e all’opinione pubblica che lo Stato si prende cura dei suoi sudditi. In salute e in malattia, viviamo insomma nel migliore dei mondi possibili. Ogni riferimento alla crisi sociale capitalistica chiamata Pandemia è puramente voluto.

Nella guerra (o transizione) capitalistica ci saranno morti e feriti, e di sicuro a farne le spese saranno soprattutto le classi subalterne di tutto il pianeta, chiamate a dare il loro “piccolo ma significativo” contributo alla “salvezza del Pianeta”.

In questo senso mi sono permesso di scrivere in questi mesi che il movimento di Greta veicola un pensiero vecchio, anzi vecchissimo, decrepito, incartapecorito; un pensiero organico e per nulla ostile alla dimensione del Dominio capitalistico. D’altra parte, la freschezza di pensiero non è mai stata un dato anagrafico!

«Ma gli adulti devono governare il mondo. E ci sono adulti che a quel vertice sono andati in rappresentanza di un miliardo e mezzo di cinesi e di indiani, che non possono rinunciare da un giorno all’altro al carbone. L’alternativa è chiudere le fabbriche, gettare centinaia, milioni di persone sul lastrico. Si muore di fame prima ancora di morire di inquinamento». Al crudo/apologetico, eppure più che fondato, realismo di Rampini contrappongo le mie «utopie» e le mie «provocazioni»: Adolescenti, giovani, adulti, vecchi: finiamola di vivere come individui sottomessi al disumano Moloch che conosce solo la bronzea Legge del Profitto, e costruiamo una Comunità Umana fondata esclusivamente sui bisogni degli uomini e delle donne, una Comunità che non sfrutti più né gli esseri umani né la natura – due facce della stessa medaglia. Questo si chiama «cavalcare le utopie»!

Leggi: La sindrome del dinosauro Frankie; Dal Covid-19 alla Cop26: un clima davvero catastrofista; E se Greta avesse ragione? Rivoluzione!; L’apocalisse al tempo di Greta Thunberg; Lettera di un anticapitalista a Greta ThunbergLa crisi ecologica nell’epoca del capitale. Sul concetto di Antropocene.

 

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...