La Cina è un paese capitalista? 中国是资本主义国家吗?

Pubblico molto volentieri l’articolo che segue, come in passato ho fatto con altri testi ripresi sempre dal blog Chuang (l’ultimo è stato Cosa pensano i lavoratori cinesi del PCC?, preceduto da Ucraina. Sharing the shame), perché trovo di grande interesse e significato politico dar conto di ciò che si muove in Cina e nello spazio sociale e culturale che orbita intorno al Celeste Imperialismo, il quale appare monolitico e impenetrabile solo al pensiero che si nutre acriticamente di ciò che passa il convento informativo mainstream.

Qui è appena il caso di ricordare, anche come breve introduzione all’articolo ripreso da Chuang, che per chi scrive la società cinese è pienamente capitalista sia per ciò che riguarda la sua “struttura” economica (un mix di capitalismo di Stato, di capitalismo “privato” e di economia “informale”), sia per ciò che concerne la sua “sovrastruttura” politico-istituzionale. Per questo il Partito-Regime che si trova al cuore dello Stato cinese è “comunista” solo di nome; di più: tale Partito rappresenta, sempre all’avviso di chi scrive, la più radicale negazione del comunismo. E questo da Mao Tse-tung a Xi Jinping. Quanto sommariamente detto, si spiega con la mia concezione della natura storico-sociale della Rivoluzione culminata nel 1949 con la proclamazione della Repubblica Popolare Cinese: si trattò di una rivoluzione nazionale-borghese – rappresentata dal PCC, secondo gli schemi “dottrinali” tipici dello stalinismo, in guisa di una “rivoluzione socialista” avente particolari caratteristiche nazionali. Per un approfondimento del mio punto di vista sulla storia della Cina moderna e contemporanea, rinvio ai miei diversi scritti dedicati al grande Paese asiatico, della cui straordinaria e millenaria storia sono da sempre un appassionato e affascinato studioso.

Mi scuso se la traduzione dall’inglese non dovesse essere impeccabile, per così dire. Una buona lettura!

Per la seconda e la terza della nostra serie di brevi risposte comuniste a domande comuni sulla Cina, abbiamo diviso una domanda comune in due. Spesso ci viene chiesto: “La Cina è un paese capitalista o socialista?” Questa è forse la più comune e la più complicata delle domande frequenti sulla Cina, quindi imbroglieremo un po’ qui e forniremo una risposta più lunga dividendola nelle sue due domande componenti. In primo luogo, affrontata qui la domanda: “La Cina è un paese capitalista?” Poi, in un prossimo post, affronteremo la domanda: “La Cina è un paese socialista?” In contrasto con il primo post della serie FAQ, che consisteva interamente di risposte dei nostri membri e amici cinesi, questa e le voci successive incorporano tali risposte individuali in articoli scritti collettivamente sia dai nostri membri cinesi che dai nostri membri internazionali. Come sempre, incoraggiamo i lettori a riformattare queste risposte per l’uso su più piattaforme. Se hai progettato opuscoli o infografiche utilizzando questi materiali, ti preghiamo di inviarceli (e-mail: chuangcn@riseup.net) in modo che possiamo archiviarli qui e ripubblicarli sui social media!

Denaro

La Cina è capitalista. È capitalista sia perché è pienamente integrato nel sistema capitalista globale sia perché gli imperativi capitalistici sono penetrati fino alla vita di tutti i giorni. La popolazione in Cina, come altrove, dipende dal mercato per la sopravvivenza, direttamente o indirettamente. In altre parole: hai bisogno di soldi per sopravvivere. Poiché il denaro è la linfa vitale della produzione capitalista (in termini tecnici, diciamo che è la forma necessaria di apparenza di valore), questa dipendenza dal denaro per la sopravvivenza è il segnale più chiaro che una popolazione è stata incorporata nel capitalismo globale.

Ma parte del problema che si incontra con questa domanda è che le definizioni di base sono spesso poco chiare. Quindi, facciamo un passo indietro e iniziamo con i fondamentali: il capitalismo è una forma di società che oscura il proprio carattere sociale, trattando le relazioni tra le persone come relazioni puramente economiche tra cose diverse che vengono comprate e vendute. In altre parole, è una società che finge di non essere una società. Al centro di questo sistema c’è il requisito di una crescita infinita. Il capitalismo è sempre stato un sistema internazionale e ha sempre avuto bisogno sia di espandere i suoi confini geografici sia di incorporare sempre più aspetti dell’interazione sociale umana nel mercato. All’interno di questa società, la sopravvivenza e la prosperità di ogni individuo sono fuse alla sopravvivenza dell'”economia”. Il denaro è l’espressione di tutto questo: è il modo in cui calcoliamo la “crescita”, è il modo in cui le relazioni tra le persone sono ridotte a transazioni di mercato, ed è la nostra misura quotidiana di quanto bene possiamo vivere o se non possiamo permetterci di vivere affatto.

Per la maggior parte delle persone in Cina, come altrove, il denaro di cui hanno bisogno per sopravvivere assume la forma di salari pagati per il lavoro. Non importa se questi salari sono mascherati da “vendite” (cioè per venditori ambulanti), “donazioni” (cioè per livestreamer) o come una sorta di “bonus” o “pagamento dell’assicurazione sociale” (nomi comuni per salari aggiuntivi guadagnati dai lavoratori industriali in Cina). Queste persone sono costrette a dipendere dal reddito salariale perché non hanno alcun controllo collettivo sulla produzione stessa, e la produzione è la fonte dei beni di cui hanno bisogno per sopravvivere e vivere una vita piena. Anche quando sono disoccupati, le persone in questo gruppo (chiamato proletariato) hanno ancora bisogno di denaro per sopravvivere, quindi finiscono per dipendere dai salari degli altri (cioè prendere in prestito dalla famiglia), indebitarsi (cioè dipendere dai prestiti dei ricchi) o sopravvivere con un sussidio di disoccupazione o una pensione da parte dello Stato, che sono solo salari di seconda mano, poiché i fondi sociali sono pagati dalle tasse, compresa un’imposta sul reddito.

Governo dei ricchi

Per una piccola parte della popolazione globale, il denaro che usano per sopravvivere è ottenuto dai profitti, che sono rendimenti sul denaro investito in una determinata attività. Questo non significa solo un investimento casuale di denaro di riserva. Per ricevere abbastanza per sopravvivere, devi già avere una grande somma di denaro da investire. In altre parole: devi essere ricco. In Cina, quest’ultimo gruppo (chiamato borghesia o semplicemente classe capitalista) è diviso in due importanti sottocategorie: quelle “all’interno del sistema” (体制内) e quelle “fuori dal sistema” (体制外). In entrambi i casi, il “sistema” è il partito-stato, che è un’organizzazione dei membri cinesi della classe capitalista globale.

Nel Partito-Stato, i capitalisti detengono tutto il principale potere decisionale. A prima vista, questo potrebbe sembrare diverso dai governi “democratici” di altri paesi, anche se riconosciamo che queste democrazie sono, in realtà, oligarchie in cui i ricchi esercitano un controllo indiretto attraverso intermediari politici. Ma il dominio diretto dei ricchi è quasi universale per i paesi nelle prime fasi dello sviluppo capitalista, almeno per quelli che hanno innescato con successo periodi di rapida crescita. I primi paesi definiti alla fine del XIX secolo “capitalismo di Stato” o addirittura “socialismo di Stato”, erano Paesi, come la Germania imperiale e il Giappone, dove i ricchi avevano il controllo più o meno diretto dello Stato e lo usavano per attuare progetti di sviluppo ad ampio raggio e forme di assistenza sociale, spesso nel tentativo di indebolire l’opposizione dal basso. Ciò includeva la proprietà statale di industrie chiave, come le ferrovie, nonché l’emergere di enormi monopoli che erano completamente integrati con lo Stato, in alcuni casi anche incaricati di stampare la valuta ufficiale e gestire la banca nazionale. Allo stesso modo, il rapido sviluppo in Paesi come la Corea del Sud, Taiwan e Singapore negli ultimi anni del XX secolo ha avuto luogo sotto dittature a partito unico che hanno attuato piani economici guidati dallo Stato.

Anche i classici casi di sviluppo capitalista in paesi “democratici” come il Regno Unito e gli Stati Uniti hanno avuto luogo in epoche in cui il sistema politico era interamente popolato dai ricchi, siano essi aristocratici terrieri in Inghilterra o i primi industriali e l’élite delle piantagioni di schiavi negli Stati Uniti. Queste erano “democrazie” in cui la stragrande maggioranza della popolazione (donne, schiavi e uomini senza proprietà) non poteva né votare né candidarsi. In altre parole, erano effettivamente anche “stati-partito” a modo loro, anche se diverse fazioni dei ricchi si organizzavano in “partiti” concorrenti. In tutti i casi, lo Stato è il governo dei ricchi.

La Cina oggi segue le stesse orme, ma in condizioni di concorrenza globale ancora più intensa. Quindi non sorprende che l’unione tra capitalisti cinesi e potere statale sia altrettanto intensa. Nel Partito-Stato cinese, tutte le posizioni di livello superiore (approssimativamente a livello di contea e oltre) sono gestite da guanliao (官僚), un termine spesso tradotto semplicemente come “burocrati”, ma che in realtà designa solo questi posti di governo di livello superiore – quasi universalmente detenuti da individui ricchi che, in qualsiasi altro paese, sarebbero chiaramente visti come capitalisti. I guanliao formano il nucleo ufficiale del gruppo di capitalisti che sono “all’interno del sistema”. Ma quasi tutti i principali capitalisti del paese possono anche essere classificati come “all’interno del sistema”, compresi quelli che non ricoprono alcun incarico burocratico ufficiale ma sono comunque membri del partito, come Jack Ma. Allo stesso modo, tutte le principali aziende, comprese quelle “private”, hanno membri del partito collocati in alta dirigenza.

Un’obiezione che potrebbe essere sollevata è che il partito non può essere definito un’organizzazione capitalista, quando la maggior parte dei membri del partito e la maggior parte dei funzionari di livello inferiore (chiamati gongwuyuan – 公务员) non sono essi stessi capitalisti. Ma questo è vero ovunque. Come in ogni paese, la maggior parte dei membri dei partiti politici e delle burocrazie statali sarà sempre attinti dal proletariato, che è la maggioranza della popolazione. Tuttavia, il fatto che negli Stati Uniti la maggior parte dei democratici registrati siano dei dipendenti statali difficilmente renderà il Partito Democratico un “partito dei lavoratori” che dirige uno “Stato dei lavoratori”. Proprio come i democratici e i repubblicani, il Partito comunista cinese e il Partito-Stato sono istituzioni della classe dominante, adattate per risolvere le controversie tra i principali capitalisti e contribuire a mantenere l’economia senza intoppi, il che significa principalmente mantenere alti i tassi di crescita, mantenere bassa l’inflazione e sopprimere qualsiasi disordine. Quelli “all’interno del sistema” hanno un accesso privilegiato alle risorse controllate da altri capitalisti all’interno dello stesso sistema e hanno una certa influenza nelle decisioni collettive prese dal partito.

Né questo è un sistema in declino. È vero l’esatto contrario, poiché gli ultimi due decenni hanno visto il tentativo di reclutare sempre più capitalisti nel partito, visibile nella riforma del 2002 della costituzione del partito che ha permesso agli “imprenditori” di aderire (e ha dato l’approvazione a posteriori ai molti membri del partito che avevano già usato le loro posizioni per diventare capitalisti negli anni dal 1980 al 1990). Allo stesso modo, i ricchi che si rifiutavano di sottomettersi alla direzione dei capitalisti più potenti che controllavano il partito o che perseguivano i propri interessi in un modo che minacciava di produrre instabilità per tutti gli altri erano presi di mira in varie campagne “anti-corruzione”, spesso con conseguente incarcerazione ed esecuzione. Il risultato è che, oggi, quelli “fuori dal sistema” sono per lo più capitalisti più piccoli che non hanno (ancora) aderito al partito, o capitalisti più grandi dell’opposizione che si sono rifiutati di farlo, spesso perché sono in grado di avere un piede in Cina e un piede all’estero.

Questo è importante, tuttavia, perché ci ricorda che il capitalismo è globale, il che significa che anche la classe capitalista è globale. I capitalisti in Cina sono solo una frazione di questa classe. Anche se sono in grado di risolvere alcuni dei loro conflitti interni attraverso l’apparato del partito – e anche questa capacità è improbabile che duri per sempre –, i capitalisti cinesi devono ancora affrontare una dura concorrenza da parte dei capitalisti di altri Paesi. Questa competizione è spesso espressa come conflitto “geopolitico” o come “guerra commerciale”. In un modo più semplice, è già evidente nell’esistenza stessa di molteplici stati-nazione in competizione, ognuno dei quali supervisiona una “economia nazionale”, spesso lacerata dalle divisioni interne ai capitalisti. Alla radice, però, queste sono tutte battaglie tra gruppi in competizione all’interno di un’unica classe dirigente.

Stato e Nazione

La maggior parte della confusione sul fatto che la Cina sia o meno un paese capitalista si trova in due errori correlati: il primo è l’errata assunzione che i singoli paesi in qualche modo scelgano sistemi economici che sono poi in gran parte confinati a quei paesi, rendendo possibile parlare di paesi “socialisti”, paesi “capitalisti” e qualsiasi numero di possibili varianti; il secondo è l’assunto, già menzionato sopra, che “lo Stato” e “il mercato” sono due istituzioni fondamentalmente separate, e che il capitalismo è definito dal dominio del mercato, mentre il “socialismo” è definito dal dominio dello Stato.

Entrambi gli errori sono radicati in un fraintendimento di ciò che è lo “Stato“. Nel primo errore, si presume che lo Stato-nazione sia una forma naturale o inevitabile di comunità umana e che l’economia sia subordinata ad esso. È facile immaginare, quindi, che le persone in un determinato territorio, purché fossero d’accordo, potrebbero semplicemente riorganizzare la loro economia a loro piacimento. Potrebbero, ad esempio, scegliere una sorta di socialdemocrazia in stile nordeuropeo con assistenza sanitaria gratuita e molti investimenti nell’istruzione, nelle infrastrutture e nelle energie rinnovabili. Contro questo modo di pensare, ci sarebbero solo le persone avide, stupide o confuse che impediscono che ciò accada.

Nell’immaginare il paese come una comunità, tuttavia, i veri conflitti di interesse vengono ignorati. E se le persone “cattive” non fossero ciò che impedisce di fare le scelte “buone”? E se, invece, molte delle cose cattive della società avvantaggiassero effettivamente coloro che controllano la società? In realtà, le cose stanno peggio di così: le cose brutte sono rese necessarie a tutti perché sono necessarie per “la salute dell’economia” da cui siamo tutti costretti a dipendere. Se l’inflazione diventa troppo estrema, significa che il tuo salario compra meno. Se la crescita rallenta significa che è più difficile trovare o mantenere un lavoro. Siamo tutti incatenati all’economia. Nei paesi ricchi queste catene sono più sciolte. Altre concessioni sono sempre possibili. Se sei al top del sistema, potresti persino sentirti come se non fossi affatto incatenato ad esso. Ma non appena inizi a scivolare giù da una scogliera, quelle catene diventano una realtà innegabile anche per te. Se il sistema affonda, affondiamo con esso.

Ma il povero affonda prima. Ecco perché, non appena scoppia una crisi economica, lo Stato si mobilita per “ripristinare la salute dell’economia” salvando i ricchi. Quelli in fondo potrebbero ottenere un certo sostegno, ma sarà sempre una frazione di ciò che i ricchi ricevono. Poiché i ricchi sono quelli che controllano la produzione, e “salvare” l’economia significa che i loro interessi avranno la priorità perché hanno realizzato una situazione in cui tutti i nostri interessi dipendono dai loro. Questa è una chiara dimostrazione che il paese non è una “comunità” di interessi condivisi. È un territorio in un sistema capitalista globale. Quel territorio è per lo più posseduto e controllato dai ricchi. Non è il vostro paese, e non lo è mai stato. È il loro Paese.

Lo Stato è l’espressione di questa proprietà (ma non è la stessa cosa che dire semplicemente che i ricchi “possiedono” o “controllano” lo Stato). Più specificamente possiamo dire che, poiché la società capitalista finge di non essere una società, la sua unità ci appare come una distesa di separazioni (*). L’apparente separazione del “politico” dall'”economico” è ciò che produce lo Stato-nazione come lo conosciamo oggi, che è la forma specificamente politica assunta dalle relazioni sociali capitaliste. In termini semplici e funzionali, possiamo pensare allo Stato come al modo in cui certi capitalisti in certi luoghi negoziano le loro dispute, forgiano alleanze temporanee contro la concorrenza dei capitalisti altrove, si coordinano per reprimere le rivolte dei poveri e tentano di salvare l’economia dai suoi stessi estremi. In un senso più ampio, è anche il modo in cui le relazioni tra le persone sembrano essere “naturalmente” regolate da cose come la legislazione e la cittadinanza. In un senso ancora più ampio, lo Stato è ciò che si traduce nell’idea della “nazione” come forma “naturale” della comunità umana. Ma lo Stato-nazione non preesisteva alla società capitalista; esso si è evoluto all’interno di quella società perché ha svolto una funzione per essa. Questo processo non è cospirativo – non si tratta di un gruppo di persone ricche che si riuniscono e tramano sui modi migliori per ingannare le persone – ma adattivo, in senso evolutivo, in cui le caratteristiche utili per determinati scopi diventano più importanti nel tempo e quelle che non servono a nessuna funzione lentamente appassiscono.

Dal momento che siamo tutti incatenati all’economia, siamo anche incatenati ai capitalisti che controllano l’economia nei luoghi in cui viviamo. Ciò significa che c’è una vera interdipendenza che si trova sotto il mito dello Stato-nazione, poiché il fallimento dei capitalisti di un territorio significa anche che le persone normali soffrono. Questo è ciò di cui si parla ogni volta che c’è un dibattito su come “creare posti di lavoro” in un’area del mondo. È anche il motivo per cui i programmi di sviluppo guidati dai capitalisti in un certo paese, di fatto, sollevano molte persone in quei paesi dalla povertà abietta, anche se lo fanno in modo non uniforme. Negli ultimi decenni, la Cina ha ripetuto il tipo di “miracolo economico” visto in molti altri paesi capitalisti in passato, spesso usando metodi simili: la costruzione di servizi pubblici, sistemi stradali e ferroviari nazionali, il trasferimento (a volte forzato) dei rurali più poveri verso le città e l’estensione dell’istruzione di base e dell’assistenza sanitaria.

Ma questa interdipendenza non assume realmente la forma di un interesse “nazionale” universalmente condiviso. Invece, è una complessa catena di dipendenze mutevoli e in competizione, inserite all’interno di una gerarchia globale di potere sociale. Da un lato, è sempre intrinsecamente internazionale. Ciò è visibile nel semplice fatto che il successo di così tante fabbriche in Cina (e quindi le prospettive dei capitalisti cinesi) dipende sia dagli investimenti che dalla domanda di consumo dei paesi più ricchi. Allo stesso modo, i capitalisti in questi paesi ricchi beneficiano di questa relazione sia nel senso diretto di ricavare profitti da questa produzione, sia in modo indiretto, dal momento che una fornitura costante di beni di consumo a basso costo per i lavoratori nei paesi ricchi aiuta a smorzare i disordini creando una patina di prosperità alimentata dal credito.

D’altra parte, queste dipendenze sono spesso anche subnazionali, nel senso che alcune regioni di un paese spesso beneficiano molto più di altre. Ciò significa che gli interessi possono divergere anche all’interno dei singoli paesi, dal momento che il successo delle ricche città costiere potrebbe non riversarsi nelle regioni povere dell’interno senza sbocco sul mare, anche se queste aree povere beneficiano ancora in modo indiretto del fatto che si trovano all’interno di un paese “ricco”. Allo stesso modo, il successo dei capitalisti di un paese è reso possibile dallo sfruttamento dei lavoratori tanto nel proprio paese quanto in altri paesi. L’accumulo di vaste ricchezze da parte dei capitalisti cinesi è stato ovviamente reso possibile dallo sfruttamento dei lavoratori cinesi, anche se molta di questa ricchezza è stata distribuita anche alle multinazionali con sede in Giappone, Corea del Sud, Europa e Stati Uniti. Anche se i lavoratori alla fine recuperano una parte di questa ricchezza sociale allargata, è solo una piccola frazione del totale, e, ancora più importante, essi non hanno alcun controllo sul potere produttivo della società nonostante siano essenziali alla produzione della sua ricchezza.

Una grande azienda?

Prima di concludere, sarà utile affrontare la domanda da cui siamo partiti un’ultima volta ma da un’angolazione leggermente diversa. Sopra rilevavamo la realtà della dipendenza dal denaro per la nostra sopravvivenza, e davamo qualche spiegazione del modo in cui la classe capitalista è strutturata in Cina. Questa spiegazione è una sorta di semplificazione eccessiva, però, perché il capitalismo può effettivamente fare uso di molti diversi tipi di sfruttamento del lavoro (alcuni dei quali, come la schiavitù, potrebbero non costringere le persone a dipendere da un “salario” monetario) e molte diverse forme di organizzazione della classe dirigente (a volte, per esempio, una classe di élite terriere non capitaliste o semi-capitaliste è ugualmente importante per il governo). Per illustrare la flessibilità della produzione capitalista quando si tratta di questioni di governo, usiamo un semplice esperimento mentale.

Spesso, si parla della Cina come se il governo avesse il controllo completo della produzione e alla popolazione fosse stato fatto il lavaggio del cervello per obbedire. Questo non è assolutamente vero in alcun senso e miti come questo hanno una lunga storia razzista che si estende dalle narrazioni del “Pericolo Giallo” del XIX secolo fino a rappresentazioni altrettanto orientaliste del paese nei media di oggi. Ma possiamo prendere questa estrema distorsione dei fatti per fare un punto sulla natura del capitalismo. Riformuliamo la domanda in questi termini: e se la Cina fosse, di fatto, organizzata come un’unica grande società monopolistica? E se lo Stato avesse davvero il controllo di tutte le forze produttive? E se queste forze non fossero nemmeno organizzate in singole “imprese” che competono tra loro per il profitto, ma la loro attività fosse pianificata da un’agenzia di pianificazione centrale? Di nuovo: niente di tutto questo è vero! Ma immaginiamolo. Certamente, si potrebbe pensare, non sarebbe più corretto dire che la Cina è capitalista, se così fosse.

Tuttavia, anche in questo inesistente scenario “China Inc.” le cose cambiano di molto. Questo ipotetico monopolio nazionale, all’interno del quale ogni cittadino cinese fosse un dipendente, sarebbe ancora un’impresa capitalista. Questo perché, alla fine della giornata, sarebbe ancora in competizione con altre aziende sul mercato globale. La sua sopravvivenza rimarrebbe dipendente dalla sopravvivenza del capitalismo come sistema globale.

Pensateci un attimo: ci sono già grandi monopoli capitalisti – aziende completamente “private” come Amazon e Walmart – che comandano quantità di risorse e popolazioni di lavoratori paragonabili ai piccoli paesi. All’interno di queste società, non ci sono mercati che guidano le transazioni. Le risorse vengono spostate tra i reparti secondo piani su larga scala formulati in sedi aziendali distanti dai cantieri effettivi.

Ma queste non sono certo istituzioni “socialiste”. In definitiva, i loro piani interni sono orientati verso la crescita, che può essere garantita solo se l’azienda compete con successo con le altre nel mercato globale. In altre parole: sono solo forme di contabilità aziendale. E l’estensione della contabilità aziendale a più sfere dell’economia non è in alcun modo una sfida per la società capitalista. In realtà, è la tendenza a lungo termine del capitalismo! Una delle previsioni più coerenti di Marx è che la “scala sociale” della produzione aumenterà, e l’esempio appena fatto è la prova di una tendenza verso la monopolizzazione capitalistica. Ma questo non significa che tali monopoli contengano un’infrastruttura di pianificazione socialista prefabbricata in embrione. Sono forme di dominio di classe, chiare e semplici. Marx riteneva importante questa tendenza non perché i monopoli danno ai comunisti macchinari pronti per coordinare la produzione, ma perché la crescente scala della produzione significa anche che più lavoratori sono coinvolti in interazioni tra loro in tutto il mondo e in modi sempre più complessi, rendendo il carattere sociale della produzione più trasparente, anche se pone difficili questioni strategiche per qualsiasi movimento potenzialmente rivoluzionario. In ogni fase dell’aumento generale della scala di produzione, la possibilità e persino la necessità di metodi alternativi e socialisti di coordinamento diventano sempre più evidenti. Ma, ancora una volta, tali metodi sono distinti e opposti ai metodi di coordinamento esistenti nei monopoli di oggi. Questa è precisamente la ragione per cui Marx vedeva la rivoluzione come una necessità. La contabilità aziendale e l’arte di governo capitalista non si evolvono mai spontaneamente in socialismo.

Si potrebbe quindi suggerire che la soluzione sta nel “scollegare” l’economia cinese dal mercato globale. All’inizio, potrebbe sembrare che questo risolva il problema: tutta la pianificazione che è stata condotta per servire il mercato globale – e che potrebbe quindi essere pensata come pianificazione “capitalista”, come accade nei monopoli esistenti – viene separata da questo mercato, lasciando intatto solo l’apparato di pianificazione. Anche se non “socialista”, questa pianificazione sembrerebbe, almeno, essere in grado di cessare di servire gli imperativi capitalistici. Ma questo ha più o meno lo stesso senso di sostenere che Amazon o Walmart potrebbero “scollegarsi” dall’economia globale.

Anche se questa fosse una possibilità politica, ci sono limiti semplici e pratici che rendono assurda la proposta: poiché la maggior parte dell’attività pianificata in queste società è orientata a realizzare profitti e servire il mercato, il “delinking” lascerebbe inutile la stragrande maggioranza dei loro meccanismi di pianificazione interna. L’intera struttura aziendale è costruita attorno a imperativi capitalistici come realizzare un profitto e servire il mercato: rimuovili e il “piano” collassa. Conservateli, e il “piano” cercherà immediatamente di ricollegarsi all’economia globale o, se ciò non è fattibile, di fratturarsi e dare di nuovo vita agli imperativi capitalistici su scala locale, ricreando un mercato all’interno della sfera “scollegata” basata sulla concorrenza tra imprese spin-off o dipartimenti all’interno del monopolio (indipendentemente dal fatto che siano “di proprietà statale”).

Lo stesso problema di fondo si applica alla prospettiva di “scollegare” l’economia cinese da quella del mondo. In effetti, un tale scollegamento è ancora meno fattibile, dato il grado in cui la produzione globale nel suo complesso dipende dall’industria cinese e, soprattutto, il grado in cui l’industria cinese dipende dal mercato globale. Un’enorme parte della produzione in Cina è attualmente orientata a servire il mercato globale, direttamente o indirettamente. Nel 2019, il commercio bilaterale totale di merci della Cina ammontava a circa 4,6 trilioni di dollari (circa un terzo del suo PIL quell’anno), il che significa che la Cina importava o esportava beni approssimativamente equivalenti all’intero PIL di un paese come la Germania. Anche se la Cina fosse un unico grande monopolio dominato da meccanismi di pianificazione, questo tipo di scollegamento sarebbe effettivamente impossibile, perché una parte enorme del business di quel monopolio è al servizio del mercato internazionale.

Ma, naturalmente, la Cina non è un singolo grande monopolio e la sua economia non è dominata da meccanismi di pianificazione. Le imprese cinesi sono strutturate in modo molto simile alle imprese di altre parti del mondo. La crescita e la redditività sono i loro obiettivi di fondo e l’intera struttura di queste società è orientata a garantire questi obiettivi. Data questa realtà, il “delinking” è ancora più ridicolo, perché richiederebbe a migliaia di imprese cinesi di fare volentieri bancarotta. Che questo possa accadere in Cina ha la stessa probabilità che accada in qualsiasi altro paese del mondo.

Sintesi

Rivediamo i punti fondamentali: la Cina è un paese capitalista. Ciò è evidente nel fatto che tutti hanno bisogno di denaro per sopravvivere e quindi devono dipendere dall'”economia”. La maggior parte della popolazione è proletaria, il che significa che non ha alcun controllo sulla produzione e che deve lavorare per ricevere un salario con cui sopravvivere. Solo la minoranza della popolazione che è estremamente ricca, chiamata classe capitalista, può invece sopravvivere con il profitto dei loro investimenti, cosa che dimostra la loro proprietà della produzione. Mentre questa proprietà dittatoriale è la caratteristica centrale del dominio capitalista, gli Stati-nazione emergono come l’espressione politica di questo potere sociale. Lo Stato serve come mezzo necessario per i capitalisti per coordinarsi e competere tra loro, ma aiuta anche a mantenere le condizioni di base per l’esistenza della società capitalista. Ciò include la repressione (polizia, carceri, militari, ecc.), il mantenimento di un sistema giuridico fondato sui diritti di proprietà e la mobilitazione degli investimenti pubblici (in infrastrutture, sanità, istruzione, ecc.). Il tutto comporta la creazione di un mito di “interessi nazionali” condivisi e radicati nella “cultura nazionale”.

In Cina, la classe capitalista governa direttamente attraverso il Partito-Stato. I capitalisti detengono tutte le posizioni dirigenziali all’interno del partito comunista e del governo. Allo stesso modo, la maggior parte dei grandi capitalisti che non ricoprono alcuna posizione burocratica sono, come minimo, membri del partito. Ciò consente loro di essere “all’interno del sistema”, dove hanno un accesso preferenziale alle risorse (attraverso il credito), una maggiore protezione dalla concorrenza con i capitalisti di altri paesi (attraverso tariffe e sussidi) e un posto al tavolo per tutte le principali decisioni (attraverso l’infrastruttura del partito). Quelli lasciati “fuori dal sistema” sono per lo più capitalisti più piccoli che non hanno ancora aderito al partito, capitalisti ribelli che rifiutano di sottomettersi agli altri e/o capitalisti più allineati con interessi stranieri. In realtà, l’infrastruttura del partito è disordinata e spesso violenta, dal momento che i capitalisti hanno interessi in competizione. Ma anche se fosse perfettamente coordinato, arruolando tutti i capitalisti cinesi come membri, ciò rappresenterebbe comunque solo una frazione della classe capitalista globale in competizione con gli altri.

(*) Questa idea di “unità nella separazione” è centrale nella critica comunista della società capitalista. È spesso usata per descrivere il modo in cui la maggior parte di noi fa parte della stessa classe (il proletariato) e soggetta a condizioni fondamentali di vita molto simili (abbiamo bisogno di fare soldi per sopravvivere), ma allo stesso tempo non possiamo davvero sperimentare questa unità di base senza prima affrontare i modi in cui siamo chiaramente diversi, spesso espresso in termini di identità. Il punto di vista liberale sottolinea questa differenza e prende l’identità come punto di partenza, negando qualsiasi unità sottostante. Quelli che ci appaiono come dibattiti tra “liberali” e “conservatori” sono per lo più dibattiti su come queste identità sono ponderate e organizzate all’interno della società. Spesso, il “marxismo” è dipinto come un punto di vista “riduzionista di classe”. In questa caricatura, i comunisti vorrebbero solo che le persone dimentichino le loro reali differenze, riconoscano l’unità sottostante che esiste in quelle condizioni fondamentali di vita e lavorino insieme. Ma si tratta di una versione debole, che capovolge una reale posizione, che qualcuno inventa solo per poterla facilmente abbattere. La vera posizione comunista è quella che enfatizza “l’unità nella separazione”, riconoscendo la realtà sia di quell’unità realmente esistente che delle molte separazioni di circostanze e identità che ci dividono. In realtà, i due cose sono interdipendenti. La separazione è la forma che l’unità assume sotto il capitalismo.

Leggi: Centenari che suonano menzogneri; Tutto sotto il cielo – del CapitalismoChuang e il “regime di sviluppo socialista”Sulla campagna cineseŽižek, Badiou e la rivoluzione culturale cinesePiazza Tienanmen e la “modernizzazione” capitalistica in Cina. Il ruolo degli studenti e dei lavoratori nella primavera cinese del 1989Tienanmen! Pianeta Cina

2 pensieri su “La Cina è un paese capitalista? 中国是资本主义国家吗?

  1. Pingback: GUERRA DI CIVILTÀ E LOGICA BINARIA | Sebastiano Isaia

  2. Pingback: LA CINA È UN PAESE SOCIALISTA? 中国是社会主义国家吗? | Sebastiano Isaia

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...