L’ESCREMENTIZIA COERENZA DEL SINISTRISMO FILORUSSO

Riassumo come segue una posizione che circola molto sui “social”: «Ma come fanno molti comunisti a simpatizzare per il regime putiniano, il quale, a confutazione della sua ignobile propaganda sulla “denazificazione” dell’Ucraina (e ultimamente dell’intero Occidente), ha molto a che fare con l’ideologia fascista e nazista?» A mio modo di vedere la risposta è semplicissima: non si tratta affatto di comunisti ma di stalinisti, di persone cioè che credono in una variante particolarmente escrementizia delle ideologie autoritarie del XX secolo: lo stalinismo, appunto. La particolarità appena segnalata allude proprio al fatto che questa ideologia si presenta storicamente agli occhi delle classi subalterne di tutto il mondo come “comunista”, mentre del comunismo essa è la più radicale negazione.

Oggi lo stalinismo si ricicla soprattutto come “socialismo del XXI secolo”, il quale ha nel Celeste Imperialismo cinese il suo maggiore punto di riferimento.  Su tutti questi concetti rinvio ai miei diversi post dedicati all’Unione Sovietica e alla Cina.

Oggi i nostalgici dell’Unione Sovietica, di un Paese che non doveva chiedere a nessuno il permesso di reprimere con i carri armati le rivolte operaie e le “velleità nazionaliste” che turbavano l’ordine all’interno del suo spazio vitale; oggi, dicevo, quei tristi personaggi accarezzano il sogno di una rivincita nei confronti del nemico di sempre: gli Stati Uniti d’America. Per loro sarebbe una vera tragedia assistere a un secondo crollo dell’imperialismo russo in poco più di trent’anni.

Lungi dall’essere incoerenti e contraddittori, gli stalinisti, “vetero” o “post” che siano, esibiscono dunque in questa situazione bellica una coerenza davvero invidiabile (si fa per dire!), che solo chi non ha chiara l’abissale distinzione che passa tra comunismo e stalinismo non è in grado di cogliere. È ovvio che i tifosi dell’imperialismo occidentale (quelli che dicono di sostenere la causa della democrazia e della libertà dei popoli) hanno tutto l’interesse ad accreditare il carattere “comunista” di gran parte del putinismo sinistrorso che sostiene gli interessi dell’imperialismo russo (difendere la sua storica “sfera di influenza”, in primis), per ribadire un concetto a loro tanto caro: «l’Occidente è come la democrazia per Churchill: la peggiore civiltà, eccezion fatta per tutte le altre» (Angelo Panebianco).

Ecco perché personalmente non considero il sinistrorso filo-russo (stavo per scrivere filosovietico!) un “compagno che sbaglia”, ma un militante della causa imperialista – perché chi sostiene gli interessi di un Paese, accetta e difende anche il Sistema Imperialista Mondiale nel suo complesso. E con un simile militante non andrei a prendere neanche un caffè al bar – anche per ragioni di sicurezza personale, diciamo…

Per Vladimir Putin «Il problema sono i russi che vivono qui, ma hanno la testa in Occidente»: è il “sostrato ideologico” che informa il programma imperialista apparecchiato dal Cremlino negli ultimi dieci anni.  

Ribadisco un concetto espresso all’inizio di questo post: la Russia non si sente minacciata dalla Nato nella sua sovranità e integrità nazionale, ma piuttosto nel suo “diritto storico” di ingerirsi negli affari del suo “estero vicino” tutte le volte che ciò si rende necessario a ristabilire la sua influenza in quello spazio geopolitico. Ed esattamente questa pretesa imperialista – più che imperiale – che ha spinto molti Paesi dell’Est Europa a cercare rifugio nella Nato, la quale ovviamente è ben contenta di concederglielo. Abbiamo insomma a che fare con cani che abbaino l’uno contro l’altro per disputarsi l’osso del potere – economico, militare, politico, geopolitico, in una sola parola: sistemico. Si tratta – diciamo, più realisticamente, si tratterebbe – di randellare a dovere tutti quei cani.

Leggi:

DICHIARAZIONE DEL РЕВОЛЮЦИОННАЯ РАБОЧАЯ ПАРТИЯ SULLA GUERRA IN UCRAINA

LA COMPLESSA DINAMICA DELLA GUERRA

L’IMPERIALISMO RUSSO HA L’ECONOMIA DI ARGILLA

I VECCHI FANTASMI CHE RITORNANO

UN MONDO IN GUERRA

CRIMINI CONTRO L’UMANITÀ

L’IMPERIALISMO ENERGETICO DELLA RUSSIA

GUERRA DI CIVILTÀ E LOGICA BINARIA

SUL “COMPLESSISMO”

APPUNTI SULLA NATURA DELLA “GUERRA CALDA”

CANI SCHIFOSI, SOGNI INFRANTI E REALTÀ DELL’IMPERIALISMO

La dimensione mondiale del conflitto Russo-Ucraino

3 pensieri su “L’ESCREMENTIZIA COERENZA DEL SINISTRISMO FILORUSSO

  1. MITI E REALTÀ SULLA QUESTIONE UCRAINA

    Sempre per contribuire alla comprensione del conflitto armato in corso in Ucraina, e alla difesa
    dall’odiosa guerra propagandistica che necessariamente l’accompagna, segnalo l’importante lavoro di Andrea Ferrario, pubblicato sul sito Crisi Globale, riguardante «Miti e realtà» circa la crisi ucraina come si è venuta sviluppando dal 2014. La punta della critica di Ferrario è qui soprattutto puntata contro il sinistrismo (o stalinismo) italiano, la feccia ultrareazionaria e filoimperialista che ha sposato in pieno la “campagna di denazificazione” del regime russo.
    «Mentre in Italia ci si è sempre concentrati esclusivamente sui neofascisti ucraini, il problema macroscopico del nazifascismo nelle “repubbliche popolari” e in Russia è stato sistematicamente ignorato. La sinistra italiana, e la massima parte di quella internazionale, si è fatta passare sotto il naso senza pronunciare nemmeno un timido “ohibò” quella che probabilmente è stata la più ampia operazione politica e militare nazifascista in Europa dopo il 1945, la creazione nel 2014 delle “repubbliche popolari” separatiste di Donetsk e Lugansk e le loro azioni militari, condotte sotto l’egida di Mosca per ottenere il controllo del Donbass».

    https://crisiglobale.wordpress.com/2022/05/09/miti-e-realta-sui-fascisti-in-ucraina-nel-donbass-in-russia-e-sulla-strage-di-odessa-parte-4-la-strage-di-odessa-del-2-maggio-2014/

  2. Pingback: UNIRE I PUNTI DELLA CRISI SISTEMICA MONDIALE | Sebastiano Isaia

  3. Pingback: PER FARE UN ESEMPIO | Sebastiano Isaia

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...