SILVIO SANTO SOVRANISTA, SUBITO!

ITALY-LABOUR-G8-BERLUSCONIColpo di scena: in piena campagna elettorale per le europee si viene a sapere che l’ex cavaliere nero di Arcore rotolò malamente e indegnamente nella polvere a causa di un complotto ordito ai suoi danni, e soprattutto ai danni della sovranità nazionale del bel Paese, da non meglio precisate entità internazionali. Non meglio precisate fino a un certo punto. Secondo l’autorevole testimonianza di Timothy Geithner, ex ministro del Tesoro americano, «Nell’autunno del 2011 funzionari europei ci contattarono con una trama per cercare di costringere il premier italiano Berlusconi a cedere il potere; volevano che noi [gli Stati Uniti] rifiutassimo di sostenere i prestiti del Fmi all’Italia, fino a quando non se ne fosse andato. […] “Non possiamo avere il suo sangue sulle nostre mani”, io dissi»» (da Stress Test). La cosa suona assai grave, anche in termini geopolitici.

Più che di un’originale rivelazione si tratta piuttosto di una conferma, almeno per Berlusconi: «Non sono sorpreso. Ho sempre dichiarato che nel 2011 nei confronti del mio governo, ma anche nei confronti del mio Paese, c’è stato tutto un movimento che era partito dal nostro interno ma poi si è esteso anche all’esterno per tentare di sostituire il mio governo, eletto dai cittadini, con un altro governo» (Intervista a Berlusconi di Alan Friedman, Corriere della Sera, 13 maggio 2014).

7194951238_34cbdce00dSentitosi implicitamente chiamato in causa in quanto agente interno del complotto, Gianfranco Fini ha subito smentito colui che agli inizi degli anni Novanta lo “sdoganò”, lo ripulì delle scorie postfasciste  di stampo missino e gli conferì una dimensione di leader politico nazionale: «Non diciamo sciocchezze: il governo Berlusconi si dimostrò incapace di reggere l’urto della crisi finanziaria. La sua caduta era ormai nelle cose». Probabilmente fra queste cose occorre annoverare anche la manina di certi “poteri forti” basati all’estero, i quali fecero sentire il loro fiato anche sul collo del Presidentissimo Giorgio Napolitano. Almeno questo crede l’ex premier Berlusconi: «Già nel giugno del 2011, quando ancora non era scoppiato l’imbroglio degli spread, il Presidente della Repubblica Napolitano riceveva Monti e Passera, come è stato scritto, per scegliere i tecnici di un nuovo governo tecnico e addirittura per stilare il documento programmatico. E poi abbiamo saputo anche che ci sono state quattro successive tappe di scrittura, con l’ultima addirittura di 196 pagine».

Lo statista di alto profilo politico Renato Brunetta non si è fatto sfuggire l’occasione per ripetere il mantra berlusconiano del «colpo di Stato» (se non sbaglio, Silvio è arrivato a contarne, di “colpi di Stato” ai suoi danni, quattro o cinque): «Dopo le parole di Geithner occorre istituire una commissione d’inchiesta. Dall’America di Obama arriva la prova decisiva del golpe europeo contro l’Italia per abbattere Silvio Berlusconi. La democrazia dopo quei fatti del 2011 è sospesa. E la estromissione politico-giudiziaria del leader di Forza Italia è il coronamento di quella trama. Chiediamo con ogni forza solennità e urgenza l’istituzione di una Commissione di indagine parlamentare, dotata dei più ampi poteri che la Costituzione le assegna. ». Una vera manna, le rivelazioni giunte dagli Stati Uniti, per un partito (Forza Italia) dato da tutti i sondaggi in caduta libera nei consensi dell’elettorato.

Vedere i forzaitalioti di Berlusconi recitare il ruolo dei campioni della democrazia e del sovranismo forse imbarazzerà più di un sovranista duro e puro. Certo è che per i socialnazionalisti cavalcare il complotto anti italiano ai tempi della caduta del Grande Malfattore (non per chi scrive, beninteso, ma per la tifoseria antiberlusconiana di Miserabilandia: vedi pentastellati, ad esempio) sarebbe un ottimo affare. «Contrordine compagni: Silvio è un eroe della Resistenza Nazionale!».

sarkozy_merkel_645Le parole di Geithner forse provocheranno qualche imbarazzo anche in qualche tifoso italiota di Obama: «Devo dire – confessa Berlusconi – che Obama si comportò bene durante tutto il G20. Noi fummo chiamati dalla Merkel e Sarkozy a due riunioni in due giorni consecutivi e in queste riunioni si tentò di farmi accettare un intervento dal Fondo Monetario Internazionale. Io garantii che i nostri conti erano in ordine e non avevamo nessun bisogno di aiuti dall’esterno e rifiutai di accedere a questa offerta, che avrebbe significato colonizzare l’Italia come è stata colonizzata la Grecia, con la Troika». Capite cosa celava il famigerato maligno sorrisino scambiato alla conferenza stampa del 23 ottobre 2011 tra la Merkel e Sarkozy? Mentre Berlino e Parigi trombavano il resistente Berlusconi, a Roma le schiere progressiste si offrivano come Quinta Colonna del Grande Complotto. Silvio Santo Sovranista, subito!

Annunci

One thought on “SILVIO SANTO SOVRANISTA, SUBITO!

  1. Da Facebook

    IL “COMPLOTTO” SECONDO TREMONTI

    Da Il Sole 24 Ore:

    «Quando esplode la crisi sovrana, ecco apparire il mostro: se fallisce il debitore, fallisce anche il creditore, e le perdite non si fermano sui confini nazionali. Questo è il punto di fusione. Si materializza il rischio di fusione dell’euro.
    La realtà è che stavano saltando la Germania e la Francia. La vera prova del panico e del rischio di fusione dell’euro è che nel 2012 il sistema viene inondato di liquidità. Se il problema fosse stato solo l’Italia, non vi sarebbe stato bisogno di tale massiccia iniezione di liquidità.
    Francia e Germania sono riuscite a cancellare i loro vizi camuffandoli in virtù. Poi c’è stato un colossale transfert di responsabilità, per cui le colpe sono solo del sud e sud ovest e le virtù sono altrove».

    Di qui l’urgenza, per i sovranisti d’ogni tendenza politica (di “destra”, di “sinistra”, di “centro”, di “lato”, ecc.), di un Fronte Popolare in grado di resistere all’Alleanza del Nord guidata dalla Germania. Un compito per uomini coraggiosi. Io perciò mi chiamo fuori. Pacatamente e serenamente.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...